Come scrivere un ottimo business plan per il tuo e-commerce (e non solo)

Come scrivere un ottimo business plan per il tuo e-commerce (e non solo)
Pubblicato il 18-11-2021

Le persone si svegliano davvero un giorno e decidono di avviare un'attività di e-commerce?

In realtà, sì, lo fanno. C'è un problema però: circa la metà di tutti gli e-commerce falliscono entro i primi cinque anni.

Perchè succede? Molte aziende non hanno iniziato con una strategia solida. Quelle che hanno successo, invece, hanno una solida base comune: un business plan strutturato. Questo articolo è una guida pratica e logica alla pianificazione aziendale.

Cos'è un business plan e-commerce?

I business plan aiutano le aziende a concentrarsi su una serie di obiettivi predefiniti.

Per prima cosa, definisci la tua attività e poi descrivi dove vuoi portarla e come ci arriverai. I migliori business plan si leggono come itinerari di viaggio, includono progetti per la crescita, tempistiche previste e obiettivi finanziari, identificando potenziali blocchi e delineando strategie di emergenza. Chiariscono in dettaglio argomenti come flusso di cassa, spese, strumenti di marketing e canali di distribuzione.

Perché il tuo negozio online dovrebbe avere un piano aziendale?

Il tuo business plan per l'e-commerce è il documento strategico più importante che tu abbia mai prodotto per la tua azienda. Scriverlo ti aiuterà a individuare in modo preciso i tuoi obiettivi ed eventuali problemi in anticipo.

Mentre crei il tuo piano aziendale, dovrai:

1. Acquisire una comprensione più approfondita della tua attività 

Scrivere un business plan può aiutarti a conoscere meglio la tua attività, magari ti verranno in mente nuove idee e dettagli e delineerai quelle che hai già.

Se ti imbatti in argomenti di cui non sai molto (questioni fiscali, problemi della catena di approvvigionamento, esigenze di magazzino, opzioni di benefit per i dipendenti e così via), inseriscili in un elenco separato e cercali in seguito.

Mentre scrivi, prova a rispondere alle seguenti domande:

• Prevedi di vendere prodotti fisici, prodotti digitali o servizi?

• Chi sarà il tuo cliente target?

• Avrai bisogno di una sede diversa o andrà bene quella attuale?

2. Identificare le risorse necessarie per gestire la tua attività 

Hai un'idea. Ora, devi raccogliere le risorse per realizzarla. Quasi tutte le attività richiedono una qualche forma di investimento monetario iniziale e non solo. Ecco tre categorie di risorse: finanziarie, fisiche e umane.

Risorse finanziarie

La maggior parte dei proprietari di piccole imprese inizia con fondi relativamente limitati e accumula capitale man mano che progredisce. Se puoi permetterti di acquistare attrezzature e materiale utilizzando i tuoi risparmi, è fantastico. Se non puoi, ci sono quattro opzioni principali a tua disposizione:

• un prestito d'affari

• un partner finanziario

• un investitore

• una campagna di crowdfunding (o simile).

Risorse fisiche

Pensa al tipo di tecnologia di cui avrai bisogno per la tua attività di e-commerce, come (almeno) un computer affidabile, una buona fotocamera per scattare foto dei prodotti, una stampante e forniture per la spedizione. Se prevedi di produrre i tuoi prodotti, avrai bisogno di materie prime o ingredienti. Non dimenticare risorse di altro tipo di cui potresti aver bisogno, come locali commerciali, veicoli e macchinari.

Risorse umane

Alcuni imprenditori preferiscono lavorare da soli, mentre altri formano partnership. Le partnership hanno diversi vantaggi rispetto al volo da soli: puoi mettere in comune idee e risorse finanziarie o fisiche. Le risorse umane includono anche dipendenti e subappaltatori su cui fai affidamento per svolgere attività essenziali (corrieri, liberi professionisti, ecc.). Molto importanti sono anche le persone che andranno a costituire la tua catena di fornitura. Hai bisogno di persone di talento e affidabili nel tuo team e dovrai pagarle di conseguenza, in modo che rimangano.

3. Costruire una road map per il futuro 

Dove vorresti essere tra 5 anni? 10 anni? Hai intenzione di costruire un impero con il tuo e-commerce? Realisticamente è fattibile? Vuoi creare posti di lavoro nella tua città?

Questo documento è il tuo piano d'azione per il futuro. In esso descriverai le tue strategie di espansione, i tuoi obiettivi di vendita e le tue ambizioni personali. Verranno identificate le tappe fondamentali e KPI (Key Performance Indicators).

4. Valuta cosa stanno facendo i tuoi concorrenti 

Quando costruisci un e-commerce non devi preoccuparti troppo di occuparti di ciò che fanno gli altri, l’importante è il tuo posizionamento rispetto alla concorrenza. "In battaglia, se fai sussultare il tuo avversario, hai già vinto." diceva Miyamoto Musashi. Con questa frase, prenditi del tempo per valutare i tuoi concorrenti. Cosa vendono? Quali sono i loro punti di forza e di debolezza? Puoi imparare dai loro errori? Puoi procurarti o creare prodotti che siano altrettanto buoni o migliori di quelli offerti dai tuoi concorrenti, ma senza gli stessi problemi che hai riscontrato? Se è così, avrai la possibilità di surclassare i tuoi concorrenti.

5. Opportunità

Ci sono diverse opportunità per sviluppare il tuo business. Potresti ad esempio formare partnership di marketing con aziende i cui prodotti completano i tuoi. Vendi tè e loro vendono tazze. Non sottovalutare il potere degli influencer. Le partnership con personaggi famosi di Instagram, YouTube e Facebook possono produrre un ritorno economico sostanziale. In virtù della loro fama e riconoscibilità i prodotti che essi usano portano rapidamente ad entrate monetarie. Alcuni influencer forniscono supporto al tuo e-commerce in cambio di prodotti gratuiti, mentre altri preferiscono un compenso economico.

Guida introduttiva al tuo business plan per e-commerce.

I business plan su vasta scala sono documenti piuttosto complessi. Prima di iniziare a scrivere il tuo business plan studiane la struttura per capire come funziona. Considera le seguenti tre domande e usa le tue risposte per creare uno schema strategico.

1. Cosa vendi?

Le società di e-commerce vendono tre diversi tipi di prodotti: beni, servizi e prodotti digitali. Devi dire ai tuoi lettori cosa intendi vendere e perché. Va bene scrivere in termini generali se offri una vasta gamma di prodotti; se sei un rivenditore di un solo prodotto o hai un assortimento limitato, sii più specifico. Se prevedi di vendere prodotti digitali, sii chiaro su cosa sono e come i clienti vi accedono. Se sei un fornitore di servizi, dì ai tuoi lettori esattamente cosa fai e dove. Sei rigorosamente locale? Percorri lunghe distanze? Collaborerai con fornitori di servizi simili in altre aree?

2. Chi è il tuo cliente target?

Molte attività di e-commerce vendono i loro prodotti direttamente ai consumatori. Se sei un'azienda business-to-consumer (B2C) prova a creare il profilo di un tuo consumatore e utilizzalo per creare una strategia di marketing online adatta a lui e a ciò che vendi. Alcuni rivenditori online e fornitori di servizi gestiscono un modello B2B. I produttori che vendono ingredienti grezzi a società alimentari o componenti a società di elettronica rientrano in questa categoria. Che tu sia B2C o B2B, devi cercare di capire cosa cerca il tuo cliente. Cosa cercano quando visitano il tuo sito?

3. Come stai acquistando i tuoi prodotti?

Alcune società di e-commerce producono i loro prodotti internamente. Forse realizzi mobili o canne da pesca su misura; forse crei app per iPhone o software di contabilità. In tal caso, tutto ciò che devi fare è acquistare forniture per la spedizione o impostare un servizio di download. Tuttavia, la maggior parte dei rivenditori di e-commerce dipende da una catena di approvvigionamento. Se prevedi di utilizzare un produttore di terze parti, cerca di sviluppare un buon rapporto di lavoro con largo anticipo rispetto alla data di lancio. Altre opzioni di approvvigionamento del prodotto includono:

dropshipping: i prodotti sono realizzati fuori sede da altre aziende e spediti per te;

vendita all'ingrosso: acquista un gran numero di prodotti contemporaneamente, conservali in magazzino e spediscili quando arrivano gli ordini.

Otto elementi che compongono un business plan e-commerce.

Tutti i business plan sono leggermente diversi, ma la maggior parte contiene otto elementi chiave, che eventualmente possono essere ampliati, e sono:

1. Sintesi.

2. Descrizione della società.

3. Analisi di mercato.

4. Prodotti e servizi.

5. Piano di marketing.

6. Logistica e piano operativo.

7. Piano finanziario.

1. Sintesi

Perfetto per revisori con tempo limitato, un riepilogo esecutivo perfeziona la tua idea di business in una struttura di una pagina chiara. Ecco le domande che ti devi porre:

a. Cosa fa la tua attività?

Fornisci un breve riepilogo di ciò che fa la tua azienda. Rendilo avvincente e facile da digerire. Sei un'azienda B2B o un'attività B2C? Vendete prodotti o servizi? In che settore opera la tua attività?

Frasi di esempio: Candy Inc. è un grossista di caramelle B2B con strutture di stoccaggio all'avanguardia a Seattle. Vendiamo grandi quantità di caramelle di alta qualità prodotte in America ad altre aziende.

b. Quali obiettivi vuole raggiungere la tua azienda?

Scrivi la tua visione per la tua azienda. Cosa vuoi ottenere? Perché sei migliore della concorrenza?

Frasi di esempio: I prodotti che vendiamo sono realizzati negli Stati Uniti da aziende a conduzione familiare con decenni di esperienza nella produzione di dolciumi tradizionali. Vogliamo supportare questi cioccolatieri e pasticceri casalinghi creando partnership con il maggior numero possibile di negozi di caramelle americani e internazionali.

c. Quali prodotti vendi?

Fornisci una panoramica breve ma ricca di informazioni dei prodotti che vendi. Se vendi molti prodotti, va bene parlare in termini generali. Se ritieni che i tuoi prodotti siano migliori di prodotti simili di altre società, dillo.

Frasi di esempio: La nostra selezione di prodotti comprende una gamma di caramelle aromatizzate naturalmente, dure infuse con lavanda, menta e verbena al limone e cioccolatini realizzati da artigiani. Offriamo anche servizi di personalizzazione di caramelle, compreso il packaging aziendale.

d. Chi è il tuo pubblico?

Scrivi qui il tuo pubblico di destinazione. Se prevedi di commercializzare i tuoi prodotti a una gamma di consumatori diversi, dì ai tuoi lettori chi sono.

Frasi di esempio: I nostri principali clienti sono negozi di caramelle di piccole e medie dimensioni in tutta Italia. Vendiamo anche caramelle in edizione limitata a grandi magazzini e grandi società di vendita al dettaglio, come la GdO, che capitalizzano mercati di nicchia durante le festività natalizie. Infine, offriamo servizi di confezionamento di caramelle per eventi aziendali su larga scala.

e. Dove venderai i tuoi prodotti?

Se hai un negozio fisico e un sito web, menzionalo qui. Se sei strettamente un commerciante di e-commerce, potresti avere diversi canali di vendita online: un sito Web aziendale, eBay, Amazon, Etsy e così via.

Frasi di esempio: Il sito Web di Caramella Spa è intuitivo, moderno e ben organizzato e dispone di una funzione di ricerca incorporata estremamente efficace per i visitatori. Utilizziamo tecniche di marketing SEO per migliorare il posizionamento nei motori di ricerca e pubblichiamo banner pubblicitari sui siti di servizi di ristorazione e di grossisti per attirare l'attenzione sulla nostra azienda.

f. Qual è la tua strategia di monetizzazione?

Offri qui un breve riepilogo della tua strategia di monetizzazione. Lavorerai con aziende all'ingrosso? Formerai partnership con influencer o altre aziende o l'email marketing? Produrrete merci private?

Frasi di esempio: Caramella Spa attualmente lavora con 50 negozi di caramelle di piccole e medie dimensioni in Italia. Lavoriamo con altri piccoli grossisti di caramelle e formiamo partnership con influencer dei social media incentrati sul commercio all'ingrosso. Il nostro servizio di produzione di caramelle a marchio privato ha un margine di profitto del 70% rispetto ai costi di pasticceria, imballaggio e stampa.

2. Descrizione della società

Ora devi fornire ai lettori una panoramica completa della tua attività. Quando avranno finito di leggere la descrizione della tua azienda, i revisori sapranno che tipo di attività gestisci, cosa intendi fare e cosa rende speciale la tua impresa. Questa parte del tuo piano aziendale è succinta ma vitale. Inizia con un paragrafo di apertura conciso, quindi immergiti nei seguenti argomenti:

a. Marchio.

Elenca il nome del tuo marchio principale o il nome della tua attività e i nomi dei marchi associati. I migliori marchi sono sia memorabili che facili da associare ai settori delle loro società madri.

b. Struttura aziendale.

Scrivi qui la struttura legale della tua azienda. Considera l'idea di parlare con un contabile se non sei sicuro di come spiegare la tua organizzazione.

c. Nome di dominio.

Se non ne hai già uno, ora è il momento di registrare un nome di dominio memorabile e rilevante per la tua attività. Mantienilo il più breve possibile e assicurati che includa il nome del tuo marchio per scopi SEO.

Esempio di un ottimo nome di dominio: Il nome di dominio di Barilla, barilla.it, è l'ideale. È breve, corrisponde al nome del marchio ed è facile da ricordare.

d. Mission.

La tua dichiarazione d'intenti fa parte della tua strategia di branding. In una o due frasi, deve spiegare il motivo per cui sei in affari. Cosa ti spinge? Qual è la tua passione? Perché hai avuto questa idea imprenditoriale in primo luogo?

Esempio di dichiarazione di mission: Nike: fornisce ispirazione ed innovazione per ogni atleta(*) nel mondo. *sei hai un corpo, sei un atleta.

e. Vision.

Racconta ai tuoi lettori tutti i tuoi sogni aziendali. Dove vuoi portare la tua azienda? Come ci arriverai? Come possono viaggiare con te i tuoi clienti?

Esempio di dichiarazione di vision: La dichiarazione della vision di Camelbak è sia divertente che stimolante. Ecco cos'hanno scritto: “Insieme, eliminiamo le bottiglie di plastica usa e getta".

f. Informazioni di base.

Tutti amano un'autobiografia. Questa è la tua occasione per fornirne una per la tua attività. Quando hai avuto la tua idea per la prima volta? Com’è cresciuta e cambiata la tua attività da allora?

7. Il tuo team e le persone chiave.

Menziona qui tutti i principali attori della tua azienda. Non è necessario annotare tutti i 300 dipendenti del magazzino, ma è necessario elencare il personale chiave.

Ecco alcuni esempi:

• Proprietario dell'azienda, probabilmente sei tu.

• CEO - probabilmente tu.

• Partner.

• Responsabile Servizio Clienti.

• Responsabile Logistica.

• Specialista in PR e social media.

• Responsabile della pubblicità.

• Responsabile SEO.

• Copywriter.

3. Analisi di mercato

Per vincere nel mondo dell'e-commerce devi conoscere il tuo mercato di riferimento. I tuoi concorrenti, il potenziale di mercato della tua azienda e i dati demografici dei tuoi consumatori. Quando finirai di stendere la tua analisi di mercato, sarai un esperto nella tua nicchia.

a. Opportunità di mercato.

Per creare proiezioni di vendita, devi stimare un livello di interesse di base per il tuo prodotto o servizio. Immaginare è bello, ma sono necessari dati solidi e indipendenti per trovare un insieme legittimo di KPI. Assicurati di conoscere il più possibile i seguenti due fattori:

• Comportamenti dei clienti: devi sapere chi sono i tuoi clienti e cosa vogliono. Quali sono i loro dati psicografici? Quali sono i loro dati demografici? Quali sono le loro abitudini? I loro desideri? Più conosci la tua base di consumatori, meglio puoi creare messaggi convincenti.

• Tendenze e crescita del settore: immagina di vendere un prodotto rivolto a laureati. Quante persone intendono conseguire una laurea o un master nei prossimi cinque anni? Su cosa sono propensi a spendere soldi i laureati? Più dati hai, meglio è. Conduci un'analisi SWOT della tua azienda: per avere successo, devi affrontare i problemi prima che compromettano la tua attività. Le analisi SWOT esaminano i punti di forza, i punti di debolezza, le opportunità e le minacce.

• Punti di forza: elenca le cose migliori della tua azienda.

• Punti deboli: sii onesto. Ci sono cose su cui devi lavorare?

• Opportunità: puoi trasformare le sfide del settore in opportunità d'oro?

• Minacce: quali minacce esterne devi affrontare per avere successo?

b. Analisi competitiva.

Condurre un’analisi competitiva può aiutarti a superare la concorrenza. Innanzitutto, cerca di individuare i leader di mercato nel tuo settore; quindi, identifica i tuoi concorrenti diretti e indiretti. Individuali ed elenca per ogni azienda:

• modello di business;

• dichiarazione di missione;

• nome del dominio;

• traffico mensile del sito web;

• caratteristiche principali del prodotto;

• strategia di prezzo del prodotto.

Hanno il potenziale di miglioramento? Ci sono lacune nel mercato che puoi colmare? Potete fornire prodotti o servizi migliori rispetto ai vostri concorrenti?

Una volta che sai cosa hanno da offrire i tuoi rivali, puoi posizionare la tua azienda come un'alternativa migliore. Puoi farlo seguendo diverse strategie:

• Differenziazione: offri un prodotto totalmente unico o una versione notevolmente migliore del prodotto della concorrenza;

• Segmentazione dei consumatori: alcune aziende si concentrano su un mercato di destinazione molto specifico e creano un seguito in quella nicchia prima di espandersi nel mainstream;

• Leadership nei costi: in parole povere, promuovi la tua azienda come leader nel settore dei prezzi: i soldi parlano, ma gli sconti cantano.

4. Prodotti e servizi

Hai fornito una breve panoramica dei tuoi prodotti o servizi nel riepilogo esecutivo. Ora è il momento di espandere questa descrizione. Se vendi un prodotto o un servizio di nicchia, approfondisci i dettagli; se vendi una gamma di articoli o fornisci una serie di servizi diversi, evidenzia le caratteristiche generali ed i vantaggi (qualità, prezzo, unicità, ecc.). Rendi la tua sezione di prodotti e servizi facile ed immediata: mantieni i paragrafi brevi, attieniti a un linguaggio non tecnico e usa i punti elenco per mostrare le caratteristiche del prodotto. Concentrati sull'esperienza della tua azienda nel settore. Se hai testimonianze di tester del prodotto prima del lancio, includile in questa parte del tuo piano aziendale.

5. Piano di marketing

Una volta che la tua idea imprenditoriale è stata definita bisogna indirizzare il traffico al tuo sito di e-commerce e convincere i visitatori ad acquistare i tuoi prodotti. In sostanza serve un piano di marketing efficace.

Innanzitutto, devi determinare il budget della tua campagna di marketing.

Devi trovare il modo di mostrare il tuo prodotto ai potenziali clienti. Non sai da dove cominciare? Aiutati con il modello delle 4P del marketing mix:

• Prodotto: cosa rende unico il tuo prodotto o servizio? Come soddisfa la domanda dei consumatori?

• Prezzo: quanto costa produrre o fornire il tuo prodotto o servizio? Quanto pagheranno i tuoi clienti?

• Luogo: dove cercheranno i potenziali clienti il tuo prodotto? Dove riceverà maggiore attenzione il tuo prodotto?

• Promozione: quali canali di marketing utilizzerai per mettere in evidenza il tuo prodotto? Alle tradizionali 4P del modello originario degli anni ‘50,gli esperti del marketing moderno aggiungono altre 3P:

• Packaging: la tua confezione trasmette qualità? Se fornisci un servizio, ti poni in modo professionale?

• Posizionamento: il tuo marchio è all'altezza? Mantieni alti punteggi di soddisfazione del cliente? • Persone: hai le persone giuste nello staff?

6. Canali di marketing

Strategie di marketing eccezionali portano a tassi di conversione positivi. La domanda è: quali canali corrispondono alla tua fascia demografica di consumatori? I tuoi potenziali clienti frequentano Instagram o preferiscono leggere gli articoli di WikiHow?

Fase uno: scopri dove sono ora i tuoi futuri clienti.

Fase due: crea strategie di marketing che attirano l'attenzione e mettile di fronte alla tua base di consumatori.

a. Canali di marketing a pagamento.

La maggior parte delle aziende utilizza in una certa misura canali di marketing a pagamento perché producono risultati misurabili in tempi relativamente brevi.

Esempi:

• Pubblicità pay per click (PPC): paghi un editore come Google ogni volta che qualcuno fa clic su un link promosso.

• Marketing di affiliazione: siti web e blog vendono il tuo prodotto per una percentuale dei profitti.

• Annunci sui social media: paghi per pubblicizzare il tuo prodotto su Facebook o Twitter.

• Influencer marketing: assumi un influencer sui social media per promuovere il tuo prodotto.

b. Canali di marketing biologico.

I canali di marketing organico indirizzano il traffico al tuo sito web per un periodo di tempo più lungo. Le tattiche di marketing organico aiutano a costruire il tuo marchio.

Esempi:

• Ottimizzazione per i motori di ricerca (SEO): includi parole chiave e frasi pertinenti nel contenuto del tuo sito web; i motori di ricerca lo notano e il posizionamento del tuo sito migliora.

• Pagine dei social media: interagisci con i follower e mantieni una presenza aggiornata su Facebook, Instagram e Twitter.

• Reti di blogger: i blog esterni indirizzano il traffico al tuo sito tramite link posizionati strategicamente.

• Content marketing: inserzionisti, articoli e post di blog sul sito indirizzano il traffico alle pagine delle categorie e dei prodotti.

7. Logistica e piano operativo

Di cosa hai bisogno fisicamente per gestire la tua azienda di e-commerce? La sezione logistica ed operazioni del tuo piano aziendale copre tutto, dai requisiti tecnologici (computer, stampanti, fotocamere) allo stoccaggio. Scrivere questo segmento del tuo piano ti aiuterà a comprendere le realtà della gestione di un'azienda di e-commerce. Se hai bisogno di investitori, è qui che elenchi i requisiti di capitale e di spesa giornalieri della tua azienda.

Il tuo piano logistico e operativo dovrebbe coprire quanto segue:

• Fornitori: da dove provengono le vostre materie prime o prodotti? I tuoi fornitori richiedono il pagamento anticipato? Se sì in quale percentuale?

• Produzione: creerai i tuoi prodotti o utilizzerai una società di produzione di terze parti? Quali sono i tempi di consegna? Come affronterai i picchi della domanda?

• Spedizione e adempimento: se applicabile, quanto tempo è previsto per la spedizione all'ingrosso? Quanto tempo ci vorrà per imballare e spedire i prodotti ai clienti? Utilizzerai uno spedizioniere di terze parti? Spedirete all'estero?

• Inventario: quanto inventario manterrai a portata di mano e dove lo metterai? Come monitorerai l'inventario in entrata e in uscita? Hai bisogno di spazio per lo stoccaggio in magazzino?

8. Piano finanziario

Tutte le aziende hanno bisogno di una certa quantità di capitale per andare avanti. Alcuni imprenditori sostengono i propri costi di avviamento, mentre altri stringono alleanze con partner più ricchi. Alcuni cercano angel investor, creano campagne di crowdfunding o accettano prestiti commerciali.

Prima di iniziare a scrivere il tuo piano finanziario, pensa al tuo pubblico e ai tuoi obiettivi. Porterai il tuo piano al team di gestione della banca? Mostrerai il tuo piano a una serie di potenziali investitori? Sarebbe prudente includere proiezioni finanziarie? Forse vuoi solo controllare il flusso di cassa o calcolare il potenziale di ritorno sull’investimento (ROI).

La maggior parte dei piani finanziari include le seguenti tre analisi economiche:

1. Conto economico.

Il conto economico fornisce una ripartizione delle fonti di reddito e delle spese in un periodo di tempo specifico: un mese, un trimestre o un anno, andando ad individuare il risultato d’esercizio che può essere un utile oppure una perdita. Puoi ipotizzare queste cifre sulla base di iniziative simili se non hai ancora avviato la tua attività.

2. Bilancio.

Il bilancio è uno strumento della gestione che individuando le attività e le passività dell’azienda va ad individuare il capitale netto.

3. Rendiconto finanziario.

I rendiconti dei flussi di cassa registrano le operazioni in tempo reale. Indicano quando le spese e le entrate escono e entrano e quindi servono per individuare le disponibilità finanziarie dell’azienda.

Conclusione

Un piano aziendale di e-commerce stellare fornisce una solida base per il successo. Mentre cerchi e scrivi il tuo piano, imparerai argomenti importanti, come marketing, analisi di mercato e pianificazione finanziaria. Tutta quella conoscenza extra ti darà forza all'inizio del tuo viaggio imprenditoriale. Walt Disney una volta disse: "Il modo per iniziare è smettere di parlare e iniziare a fare".

Richiedi una consulenza

Cliccando il tasto qui sotto andrai alla pagina dedicata per richiederci un incontro. Ci servirà per capire al meglio la tua azienda, le tue necessità e i tuoi obiettivi aziendali.

In questo modo, durante un incontro di persona o una videoconferenza, potremo avere già un'idea chiara di ciò che ti serve.

NEWS CORRELATE

SEO per imprenditori: cos'è e come funziona + esempi pratici

SEO per imprenditori: cos'è e come funziona + esempi pratici

Non ne capite nulla di SEO e volete sapere cos'è e come funziona? Questo pezzo fa per voi! Benvenuti nella guida perfetta per gli imprenditori. Qui troverete tutto quello che c’è da sapere su questo complicato, ma affascinante mondo.

Marketing - Strategy

21 Set 2021

Caricamento...