Quarant’anni di attività e non sentirli. Anzi, la voglia e l’entusiasmo sono ancora quelli di quel lontano 1976 quando non ancora diciottenne iniziò ad operare in un importante studio grafico di Treviso, imparando da allora un “mestiere” che lo ha portato ad operare con diversi tra i più importanti nomi dell’impresa nazionale e internazionale. Francesco Zanon, 61 anni, è uno dei tanti operatori artigianali che hanno fatto grande il territorio del Nord Est, grazie non solo alle capacità e al “bagaglio” professionale cresciuto nel tempo ma anche, e soprattutto, a quella voglia di fare e di intraprendere che sono state proprie di un periodo in cui c’era la speranza di creare un lavoro e di “buttarsi”, spesso rischiando del tuo, con inventiva e forti motivazioni. “Devo dire – ricorda oggi Zanonche quei quattro anni passati prima di iniziare con la mia attività sono stati fondamentali per la mia crescita, anche perchè, da autodidatta, ho imparato a muovermi in un settore, quello della grafica, che si stava sviluppando con una certa dinamicità ed era fondamentale non perdere il passo per non rimanere indietro. “. Fu dunque dopo quell’esperienza trevigiana che, da gruarese, aprì nel 1980 la “Grafica Zanon” nella sua Gruaro, dapprima in una sede in piazza Dal Ben per poi trasferirsi qualche anno più tardi, nel 1995, in locali più ampi e funzionali in via Fontana, sempre a Gruaro, comune nell’hinterland del Veneto Orientale, al confine con il Friuli Venezia Giulia.Fu una sfida non indifferente – sottolinea – e decisamente non facile, soprattutto se ci ripenso oggi, però l’avevo fatta con la consapevolezza di voler avviare qualcosa di mio, che potesse consentirmi di esprimere quanto avevo appreso. E devo dire che mai decisione si è rivelata così felice, anche se, ovviamente, le difficoltà non sono state poche, tutt’altro, ma incoscienza e passione sono state un mix fondamentale per dare concretezza a quella impresa”. E’ dopo un paio d’anni che conobbe Simone Simon Ostan, giovane studente di grafica, ambizioso professionalmente al punto giusto per poter dare vita nel 2000 alla società “Nuovi Spazi”, oggi una delle realtà più importanti nel settore non solo nel Triveneto ma in ambito nazionale. Di quei primi vent’anni Zanon ricorda molti dei “marchi” con i quali ha operato, dalla Ryan Air, per la quale installò la prima cartellonistica nei principali aeroporti d’Italia, all’Eni con 454 distributori sparsi su tutto il territorio nazionale, da “allestire” e lanciare graficamente. “Sono stati davvero degli impegni di grande spessore e di grande soddisfazione – afferma Zanon con lavori importanti, creativi, con risultati indimenticabili”. Negli anni si sono poi aggiunti, anche in contemporanea con l’avvio della “Nuovi Spazi”, altri nomi di rilievo, come la Antonveneta, la Montepaschi, la Mobili Dall’Agnese, l’Ikea, tanto per citarne solo alcuni dato che poi l’accoppiata ZanonSimon Ostan è riuscita a creare una “rete di aziende” tale da poter vantare presenze qualificate e qualificanti in molteplici settori dell’imprenditoria. “Nuovi Spazi – sottolinea Zanonnacque come uno studio di grafica pubblicitaria e cartellonistica, dopo di che negli anni ha saputo crescere e cogliere nuove sfide e nuove opportunità in un settore che è in continua evoluzione, orientandosi al marketing e alle nuove forme di comunicazione aziendale, attraverso un percorso di aggiornamenti continui ma soprattutto grazie alle preziose figure professionali che con il tempo hanno arricchito lo studio”. In questi anni il motto è sempre stato “O ti distingui o ti estingui”, ed è proprio questo il “modus vivendi e operandi” che Nuovi Spazi rivolge a sé e agli altri: cercare per ciascuna azienda una strategia personalizzata per emergere. “Per fare ciò – rimarca Francesco Zanon – è importante essere grandi osservatori; osservare ed ascoltare quello che fanno gli altri, migliorarlo, aggiungere un tocco di personalità e, cosa fondamentale, metterci tanta passione.”. Una passione che non è mai venuta meno che Zanon è riuscito a trasmettere e a infondere a tutto il suo “team” di collaboratori, “grazie al quale – ribadisce – Nuovi Spazi è oggi matura per operare con esperienza e, allo stesso tempo, giovane per coltivare idee sempre nuove e, posso dire con orgoglio non solo mio ma di tutti, sempre apprezzabili e di prestigio”.

Fonte: Scritto da Arianna Dreossi – Obiettivo Territorio, Periodico di attualità